“Dillo alla Lombardia” le priorità per il lavoro